Il nostro Blog

Auto Elettriche e Coronavirus


Lo abbiammo infatti citato nell'Ambiente Sicuro #8 https://www.linkedin.com/pulse/ambiente-sicuro-8-coronavirus-e-inquinamento-giacomo-gori/?trackingId=DbHtP7VvcTqIKIaLlRC7qw%3D%3D, dedicato all'inquinamento, e ne abbiamo parlato decisamente meglio nell'Ambiente Sicuro #9 https://www.linkedin.com/pulse/ambiente-sicuro-9-la-forza-di-ripartire-giacomo-gori/ di settimana scorsa. Perché quindi parlarne di nuovo?

I motivi sono due. In primis perché settimana scorsa abbiamo trattato la questione in termini generali, guardando solo all'attuale situazione italiana, senza concentrarci troppo sulle altre nazioni. In secondo luogo, perché nel corso di questa settimana sono uscite due notizie, una negativa ed una positiva, che riguardano proprio questo argomento. Insomma, il tema delle auto elettriche è sempre caldo e vale la pena continuare a trattarlo.


La Situazione USA

Partiamo dalla notizia negativa, ovvero che gli Stati Uniti d'America hanno promosso la legge Safe Vehicles che stabilisce regole meno dure per la CO2 delle auto nuove. E' la famosa crociata di Trump (il Presidente aveva già congelato l'applicazione delle norme alla sua elezione) che raggiunge il suo culmine proprio mentre milioni di posti di lavoro sono minacciati dall'emergenza Covid-19 (proprio nelle ultime due giornate ci sono state due impressionanti ondate di licenziamenti). In pratica il Governo USA ha definito degli standard di emissioni auto meno severi così da spingere una comprevendita di auto più economiche e più sicure.

La decisione, come potete ben immaginare, ha acceso una vera e propria linea di fuoco su cui si scontrano numerosi pareri a favore o contro queste nuove regole. Vendere auto più sicure potrebbe effettivamente risollevare l'economia, ma è una scelta che potrebbe prestarsi facilmente anche a numerosi giochi di potere. Questo senza mettere in campo le possibili conseguenze ambientali di questa scelta che potrebbero ricadere sulla salute della popolazione. Il The Guardian, per esempio, https://amp.theguardian.com/environment/2020/mar/31/trump-epa-obama-clean-car-rules-climate-change?__twitter_impression=true sostiene che questo orientamento normativo potrebbe causare un aumento annuo di 2000 morti e di 50.000 casi di malattie respiratorie. Cifre che potrebbero causare il collasso ospedaliero di molti Stati Americani.


La Ricerca Inglese

Passiamo ora all'altra notizia e ci spostiamo dagli Stati Uniti al Regno Unito. Un recente sondaggio, condotto da Venson Automotive, una società di consulenza per servizi auto, ha infatti raccolto l'attuale opinione degli inglesi sull'acquisto di un'auto elettrica. Nonostante la società non abbia diffuso la quantità di persone prese a campione, i risultati sono a dir poco interessanti: il 45% ha dichiarato di aver cambiato idea sull'auto elettrica dopo il miglioramento della qualità dell'aria in città dovuto alla quarantena, il 19% afferma che la prossima auto sarà a batteria e il 26% stime di guidare un'auto elettrica entro i prossimi 5 anni.

Il sondaggio diventa ancora più affascinante nel momento in cui si confrontano i risultati conquelli raccolti da un identico sondaggio svolto, però, un anno prima. In quella occasione non solo le percentuali erano più basse, ma il 31% degli intervistati dichiarava di non voler comprare un'auto elettrica prima di 10-15 anni! Questo nonostante Londra fosse una delle città più inquinante al mondo! Secondo Alison Bell, dirigente di Venson Automotive, tale cambiamento di mentalità non è comunque dovuto SOLO alla particolare situazione attuale, ma anche dall'abbassamento dei costi dei veicoli elettrici, dall'aumentare dell'efficienza della batteria e dalla diffusione dei punti di ricarica pubblici e privati. Tutte iniziative che si spera non vengano frenate dal diffondersi del Coronavirus.


Dove sta la Verità?

Come sempre in questi casi, la verità sta nel mezzo. Se è pur sempre vero che molte persone, nel nuovo mondo post-Coronavirus, saranno molto più sennsibili alla situazione ambientale, bisogna anche comprendere che con i salari tagliati, l'industria in stallo e la costante incertenza degli equilibri commerciali (già in crisi prima della pandemia a causa delle tensioni UE-USA e USA-Cina), la necessità di convertire il parco auto circolante con auto elettriche e ibride non sarà più così primaria. La scelta del Governo USA è da criticare non tanto per l'impatto ambientale generale, quanto per il fatto che andrà ad aggravare una situazione sanitaria già messa a dura prova.

Bisogna anche ricordare che molte auto moderne hanno un impatto ambientale decisamente inferiore rispetto alle auto del passato. Anche solo rinnovare il proprio parco auto circolante, cercando di modernizzarlo, può dare una grossa mano alla salute del pianeta. Questo non vuol dire accantonare l'elettrico, ma metterlo un attimo da parte mentre si pensa prima di tutto a ripartire, a ridare ossigeno a tutta la filiera automotive che rischia di collassare nelle conseguenze di questa crisi. Che è poi quello che, come visto settimana scorsa, stiamo cercando di fare in Italia (o, più in generale, in molti paesi europei).

In attesa di ulteriori notizie e novità sull'argomento, anche questo articolo termina qui. Tra sette giorni ci troveremo nuovamente qui per un nuovoAmbiente Sicuro. Non mancate!


Ti è piaciuto quanto hai letto e vuoi restare aggiornato? Iscriviti alla nostra newsletter!

Con l'inserimento dei dati ci autorizzi ad iscriverti ai nostri servizi informativi. Essi sono trattati da Gori officina s.r.l. nel rispetto delle normative sul trattamento dei dati personali. Hai il diritto di conferma dell'esistenza o meno di dati che ti riguardano e l'accesso agli stessi, di rettifica, di cancellazione, di portabilità e di opposizione per un motivo legittimo, relativo all'insieme dei tuoi dati. Tale diritto si esercita presso Gori officina s.r.l. oppure inviando un'email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Puoi consultare l'informativa completa su : Privacy Policy

Cerca Articoli

Ti potrebbe interessare..

ULTIMI ARTICOLI

Vision e Mission

Vision: Per una mobilità urbana, privata o aziendale, che sia sicura e sostenibile.
Mission: La Gori Officina si vuole porre in prima linea tra il settore della mobilità di beni e persone e quello della mobilità sostenibile per un mutuo sviluppo all'insegna della sicurezza e della consapevolezza. Per fare ciò, abbiamo deciso, forti dei nostri 50 anni di esperienza, di promuovere un'officina completa a dimensione di persona e rispettosa dell'ambiente così da poter presentare soluzioni innovative costruite su misura per le esigenze delle aziende e dei privati che decidono di affidarsi ai nostri servizi. Un cliente felice in un ambiente sano.

Dove siamo


Contatti veloci

Go to top
Template by JoomlaShine